Eleonora Cimbro, 18000 euro al mese, lotta per la mancanza di una parrucchiera in parlamento – Video

Si è parlato molto spesso dei politici italiani per faccende tutt’altro che positive, e su di loro si sono sprecati fiumi di inchiostro da parte della carta stampata e fiumi di byte da parte della stampa on line. Il tema dei costi della politica è ancora oggi così sentito, che ha necessariamente dovuto occupare anche molti dibattiti nei talk show televisivi Rai, Mediaset e di La7, ponendo in evidenza come in effetti si tratti di costi eccessivi, sui quali però nessun governo e nessuna maggioranza in parlamento ha avuto finora il coraggio di intervenire. Del resto, anche per questo motivo il successo politico del Movimento 5 Stelle è sempre più in aumento, ossia proprio per fare in modo di riuscire ad abolire quanto più possibile quei privilegi particolarmente assurdi per i parlamentari, che vengono loro concessi con il denaro pubblico, mentre ai poveri cittadini vengono tolte sempre più risorse e gli viene chiesto di pagare tantissime tasse.

Si tratta di una situazione inconcepibile e vergognosa, a maggior ragione se si va a considerare tutte le spese folli che i parlamentari e i politici italiani in genere comportano. E questo senza nemmeno considerare i fiumi di denaro pubblico spesso sprecati per costruire grandi opere che rimangono incompiute e nell’abbandono più totale nonché nel degrado per molti anni. Una vergogna, per la quale i cittadini sono arrabbiati e stufi, e su cui è necessario intervenire al più presto. Come se non bastasse, una parlamentare del PD ha deciso di battersi per una causa da lei giudicata molto importante, che in realtà non fa altro che aumentare ancora di più la rabbia di molti cittadini italiani.

Eleonora Cimbro del PD si dice quasi indignata del fatto che alla Camera non sia presente una parrucchiera. Per questa donna il fatto che manchi una parrucchiera in parlamento rappresenta una carenza che è importante risolvere.